Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Orrore e raccapriccio

· Centinaia di donne e bambini della minoranza religiosa degli yazidi gettati vivi nelle fosse comuni ·

Orrore e raccapriccio. In Iraq centinaia di persone, appartenenti alla minoranza religiosa degli yazidi, sono stati uccisi e gettati nelle fosse comuni, in molti casi ancora vivi. Tra le vittime donne e bambini. È il Governo di Baghdad ad accusare i miliziani dello Stato islamico di crimini di guerra commessi contro le minoranze nel nord dell’Iraq.

Mohammed Shia Al Sudani, ministro per i Diritti umani, ha affermato di «essere in possesso di prove schiaccianti forniteci da gruppi di yazidi in fuga da Sinjar, scampati per caso alla morte». I sopravvissuti, ha riferito Al Sudani, hanno raccontato di «crimini orrendi commessi dalle bande dello Stato islamico». Fonti locali riferiscono di centinaia di bambini morti di sete, disidratati dal caldo e dalla dissenteria. Le stesse fonti parlano di circa duecentomila yazidi che sono riusciti a scappare verso nord, raggiungendo le città curde di Dahuq e Zakho. Ma altre decine di migliaia sono tuttora accerchiati. Sulle cime della catena di Sinjar sono intrappolati in oltre quarantamila. Ieri, in visita a Baghdad, il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius, di fronte al dramma degli yazidi, ha affermato che «serve una risposta comune a questo terrorismo» per correre in loro soccorso.

Sul fronte militare, intanto, si segnala che continuano i raid militari statunitensi contro postazioni dei jihadisti. Le incursioni dei cacciabombardieri hanno permesso di riconquistare due città in posizione strategica, Guwair e Makhmur: erano cadute quattro giorni fa nelle mani dei miliziani durante la loro marcia di avvicinamento alla regione autonoma del Kurdistan. Sono due località strategiche perché poste lungo la strada che porta verso i pozzi petroliferi di Kirkuk.

Dal canto suo l’esercito iracheno ha lanciato due controffensive: una a ovest di Baghdad, nella regione di Al Bakri, l'altra nel distretto di Muqdadiya, a nord-est della capitale

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE