Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Orlok incombe sulle nostre paure

· Nella Filmoteca Vaticana una copia del «Nosferatu» di Murnau ·

La paura ancestrale dell’uomo per la morte e l’ignoto si è incarnata sempre in creature fantastiche, creando un esercito di mostri e fantasmi che hanno animato le più antiche leggende popolari e, che con l’avvento del cinema, hanno preso vita in tanti film. Lovecraft affermava che «il sentimento più forte e più antico dell’animo umano è la paura, e la paura più grande è quella dell’ignoto». Naturale dunque che l’industria cinematografica, sulla scia del successo delle fantasmagorie, cogliesse l’opportunità di intrattenere il pubblico con questo sentimento, poiché gli spettatori erano disposti a pagare per farsi spaventare e il cinema sapeva bene come rendere “reale” la paura.

Tra le tante creature che hanno fatto sussultare il pubblico, una delle più inquietanti e attraenti del panorama fantastico è quella del vampiro, che ha influenzato artisti di ogni tipo. Il vampiro arriva al cinema preceduto da un ricco filone di opere letterarie, ispirate ai miti popolari e riadattate a teatro con successo, dal Vampiro colto e tenebroso di John Polidori, del 1818, al Dracula di Bram Stoker, del 1897, che rielabora tutte le tradizioni letterarie sul vampirismo, diventando punto di riferimento per il genere. Nel 1896 Georges Méliès aveva girato un cortometraggio, Le Manoir du diable , nel quale Satana si trasforma in pipistrello e fugge alla vista di un crocifisso.

Ma bisogna aspettare perché il vampiro prenda forma sullo schermo con caratteristiche che ne faranno una vera e propria icona cinematografica. Risale, infatti, al 1922 Nosferatu di Friedrich Wilhelm Murnau, una copia del quale è conservata nella Filmoteca Vaticana, primo adattamento per lo schermo del romanzo di Stoker.

Il regista tedesco crea uno degli incubi più famosi della storia cinematografica, ancora oggi inquietante. Capolavoro dell’espressionismo tedesco, con pochi effetti speciali riesce a trasmettere ansia anche quando non fa vedere nulla.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2018

NOTIZIE CORRELATE