Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Orizzonti aperti per entrare nel mondo di Dio

· All’udienza generale Benedetto XVI spiega il senso sacro e cristiano del Natale ·

Un sentito augurio affinché l’annuncio liturgico del Natale: «oggi è nato per noi il Salvatore», non sia accolto come «una vuota espressione convenzionale» ma sia compreso in tutto il valore del dono che Dio continua a offrire al mondo di oggi. È il senso del «buon Natale» ripetuto questa mattina, mercoledì 21 dicembre, in lingue diverse da Benedetto XVI nel corso del consueto appuntamento settimanale con i fedeli per l’udienza generale.

Il Papa ha colto l’occasione dell’ultima udienza prima delle festività natalizie, per riportare nell’orizzonte dell’umanità la presenza reale di un Dio che vive nel mondo ed è capace con il suo amore «di portare luce nell’oscurità». La raccomandazione del Papa rivolta a tutti i fedeli è quella di «fare in modo che, anche nella società attuale, lo scambio di auguri non perda il suo valore religioso» e che la festa «non venga assorbita dagli aspetti esteriori che toccano le corde del cuore».

Una raccomandazione, quella del Pontefice, necessaria per ricordare all’uomo contemporaneo — «l’uomo del sensibile, dello sperimentabile empiricamente» che, ha detto, «fa sempre più fatica ad aprire gli orizzonti ed entrare nel mondo di Dio» — che oggi è ancora possibile l’incontro con Lui, l’Eterno, entrato «nei limiti del tempo e dello spazio» proprio per dare a tutti l’opportunità di cogliere il senso della sua presenza nell’arco di tutta la storia dell’umanità.

Una storia che passa attraverso le due «grandi feste della redenzione»: la nascita di Gesù e il suo trionfo nel mistero pasquale. «La Pasqua — ha spiegato — la celebra come vittoria sul peccato e sulla morte, segna il momento finale, quando la gloria dell’Uomo Dio splende come la luce del giorno; il Natale la celebra come l’entrare di Dio nella storia facendosi uomo per riportare l’uomo a Dio: segna per così dire, il momento iniziale, quando si intravede il chiarore dell’alba».

Ben vengano dunque «i segni esterni» che sono pur «belli e importanti» ma «non ci distolgano, piuttosto ci aiutino a vivere il Natale nel senso più vero, quello sacro e cristiano, in modo che anche la nostra gioia non sia superficiale, ma profonda», ispirata dalla consapevolezza che sorge «la vera luce che dirada le tenebre che avvolgono la nostra vita e tutta l’umanità».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE