Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ore di tensione in Siria
per l’annunciato
attacco turco

· Ankara dichiara che le forze militari sono pronte mentre cresce la preoccupazione per le ricadute umanitarie ·

Carri armati turchi prendono posizione a ridosso del confine turco (Ap)

C’è diffusa preoccupazione per l’annunciata offensiva turca nel nordest della Siria. «Tutte le preparazioni sono state completate per l’operazione», ha reso noto questa mattina, via Twitter, il ministero della Difesa di Ankara. «La creazione di una zona di sicurezza» è essenziale «per la pace e la stabilità della regione. Le forze di sicurezza turche — prosegue il messaggio di Ankara — non tollereranno la creazione di un corridoio del terrore ai nostri confini». Secondo alcuni media locali l’artiglieria turca ha in realtà già iniziato a bombardare obiettivi delle milizie curde ad al-Malikiyah, a ridosso del confine turco. L’annuncio dell’offensiva, anticipato da Washington, sinora alleato dei curdi, ha suscitato grandi preoccupazioni: «Ci stiamo preparando al peggio», ha detto ieri il coordinatore dell’Onu per le operazioni umanitarie in Siria, Panos Moumtzis.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE