Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ore contate per Manbij

· La coalizione a guida statunitense pronta a lanciare l’attacco contro la città siriana in mano all’Is ·

Hanno «le ore contate» i jihadisti, e sono momenti decisivi per i circa 150.000 civili, tra cui 35.000 bambini, che per l’Unicef sono rimasti a Manbij, la città siriana a nord di Aleppo in mano al cosiddetto Stato islamico (Is) e da giorni assediata dalla coalizione internazionale a guida statunitense. 

Secondo fonti locali, la coalizione ha lanciato un ultimatum di 48 ore ai jihadisti perché lascino Manbij, che rappresenta un punto di passaggio strategico per i rifornimenti verso la città di Raqqa, considerata la principale roccaforte dell’organizzazione di Al Baghdadi. Tutto questo mentre a Washington si è chiuso ieri il secondo vertice degli oltre trenta Paesi che partecipano alla coalizione. Come detto, i combattenti siriani appoggiati dalla coalizione a guida statunitense sono impegnati nell’offensiva su Manbij e hanno dato 48 ore di tempo ai jihadisti per lasciare le loro postazioni. «Questa è l’ultima chance che hanno per lasciare la città» si legge in un comunicato del consiglio militare di Manbij, formato in gran parte da esponenti delle milizie curde. L’avvertimento arriva due giorni dopo i bombardamenti in cui — stando a fonti della stampa locale — sono rimasti uccisi anche 56 civili che fuggivano dalla città. In ogni caso, la situazione umanitaria a Manbij è disastrosa: la popolazione civile intrappolata nei combattimenti manca di tutto, dai generi alimentari ai medicinali. E sono i bambini e le donne i primi a pagarne le conseguenze. L’Unicef stima che 35.000 bambini siano intrappolati a Manbij dintorni. Nel frattempo, il conflitto imperversa in molte altre zone del Paese, non solo nel nord. Il ministero della Difesa russo sostiene che sei suoi bombardieri hanno distrutto due punti di comando dell’Is in raid aerei contro delle postazioni dei jihadisti a est di Palmira e nelle zone attorno alle città di Es Sukhne, Arak ed Et Teibe, nella provincia di Homs.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE