Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ore contate per l’Obamacare

· Trump ribadisce di voler cancellare la riforma sanitaria annunciando un incontro ad hoc ·

«Cancelleremo e sostituiremo l’Obamacare, che presenta problemi tremendi»: è quanto ha ribadito il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ieri inaugurando il ballo dei governatori alla Casa Bianca. Per oggi è previsto un incontro ad hoc non solo con i governatori ma anche con i dirigenti delle principali assicurazioni mediche, in cui si discuterà proprio della riforma sanitaria voluta dall’amministrazione Obama. Intanto ieri, nel congresso ad Atlanta, Tom Perez è stato eletto nuovo presidente del partito democratico. E Trump ha parlato di «voto truccato». Tom Perez, che è figlio di immigrati dominicani e dunque primo presidente dem di origine ispaniche, è stato scelto al secondo round di votazioni con 235 preferenze contro 200, nella più incerta elezione degli ultimi 30 anni per questa carica. Subito dopo, ha annunciato di voler lavorare sodo contro l’operato di quello che ha definito «il peggior presidente della storia degli Stati Uniti» e si è detto a favore di un’inchiesta indipendente sulle interferenze russe nella campagna elettorale. La scelta dell’ex ministro del lavoro dell’amministrazione Obama ha suscitato le critiche di Trump che ha affermato: «La corsa per il presidente del Democratic national committee (Dnc) è stata naturalmente truccata: gli altri candidati non hanno avuto nessuna possibilità». Il principale sfidante era il deputato afroamericano Keith Ellison, primo musulmano della storia eletto in Congresso, sostenuto dall’ala liberal incarnata da Sanders e da Elisabeth Warren. Con Perez, il partito democratico in effetti ha scelto in qualche modo la continuità affidandosi a un uomo legato all’amministrazione precedente, dopo il tracollo dem alle ultime elezioni, che hanno consegnato ai repubblicani Casa Bianca, Congresso, due terzi dei governatori e dei parlamenti locali, nonché la Corte suprema. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2018

NOTIZIE CORRELATE