Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Onesto e libero come il cinema che amava raccontare

· È morto a Roma Francesco Bolzoni ·

«Un film bello è sempre morale. Un film immorale può essere interessante, ma non bello. Posso aver torto, ma questo è il frutto della mia meditazione che pongo sempre al dialogo con gli amici cosiddetti laici». Questa dichiarazione del 2006 dice molto dell’uomo e del critico cinematografico Francesco Bolzoni, morto giovedì 3 marzo, poco prima delle 19, a Roma all’ospedale San Filippo Neri dove era ricoverato da alcuni giorni. Firma autorevole e consueta delle pagine dello spettacolo di «Avvenire» a partire dal 1971, Bolzoni è stato anche collaboratore e amico del nostro giornale. Era nato a Rovigo il 1° agosto 1932. Giornalista appassionato ed esperto di cinema, ha collaborato con diversi giornali e periodici da «Il Nostro Tempo» a «Vita pastorale». Rilevante è stato il suo contributo recato alla «Rivista del Cinematografo» della Fondazione Ente dello Spettacolo. Diverse anche le pubblicazioni librarie tra cui La barca dei comici (1986); I film di Francesco Rosi (1986); Quando De Sica era Mr. Brown (1990); Sull’Omnibus di Longanesi (1996), Emilio Cecchi tra Buster Keaton e Visconti (1996).

Trasferitosi a Roma negli anni Sessanta, Bolzoni era entrato nella Rai di Bernabei e prestò servizio all’azienda fino alla metà degli anni Novanta, per lo più in qualità di sceneggiatore e produttore. Sincero e aperto, diretto e generoso, Francesco era uomo non facile da trattare. Un caratteraccio dalla fede sobria e profonda, ma aliena dalle mezze misure e dai cerchiobottismi di comodo, oggi tanto in voga. Un tratto personale questo che spesso gli avrebbe provocato più di una noia. Ma lui non ci badava e procedeva diritto per la sua strada. Questo suo carattere ruvido e attento solo a quello che egli riteneva essere «essenziale», peraltro lo portava a trascurare la propria salute: mal sopportava medici e medicine. È stato un connotato caratteriale che si è portato dietro sino alla fine come ricordano i suoi cari la moglie Caterina e il figlio Marco Simone ai quali oggi ci stringiamo con tutto il nostro affetto. I funerali di Francesco Bolzoni si svolgeranno sabato 5 marzo nella chiesa di San Pietro in Montorio a Roma alle ore 11.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2018

NOTIZIE CORRELATE