Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ondata di sbarchi sulle coste italiane

· Almeno cinquemila arrivi in un solo giorno ·

Una nuova ondata di sbarchi ha interessato ieri i porti italiani: oltre cinquemila i migranti arrivati sulle coste della penisola. Oggi ne sono attesi altri. Oltre 900 sono già arrivati nel porto di Corigliano Calabro sulla nave militare tedesca Rhein. I migranti sono tutti subsahariani. Solo a conclusione dello sbarco sarà possibile sapere quanti sono i minori non accompagnati. Sulla nave ci sono anche sette feriti ma non gravi.

Donna con il suo bambino, entrambi migranti, sbarcano a Porto Empedocle (Ansa)

Altri 640 migranti sono arrivati questa mattina a Bari a bordo di una nave britannica. A quanto si apprende, a bordo si sono alcune donne incinte e bambini. «Abbiamo messo a punto la macchina della protezione civile, dei sanitari e delle forze dell’ordine e siamo pronti ad affrontare questo sbarco» ha detto il prefetto di Bari, Marialisa Magno, spiegando che subito i migranti «saranno trasferiti in diversi centri in Italia». Una situazione che rischia di diventare di difficile gestione se si pensa che, come detto, solo ieri hanno messo piede in Italia cinquemila persone. A Salerno se ne sono contati 935 dalla nave Vos Prudence di Medici senza Frontiere. Altri 860 sono scesi dalla nave attraccata a Brindisi. È giunta invece nel porto di Catania la nave Diciotti della Guardia costiera italiana con a bordo 1428 migranti. Al porto di Vibo Valentia il rimorchiatore Vos Hestia, di Save the Children, ne aveva a bordo 577. Infine a Crotone ha attraccato la motonave Olympic Commander, battente bandiera norvegese, con 1200 persone. In questo quadro, un tribunale di Palermo ha condannato ieri tre scafisti a più di vent’anni di carcere e a multe milionarie.   

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE