Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Omero e Bach sono un diritto

· Umanesimo ed educazione nel pensiero e nell’azione pastorale di Giovanni Paolo II ·

Non si può non parlare di umanesimo a proposito di Karol Wojtyła. Altri diranno se e fino a che punto il suo pensiero può ridare vita a un umanesimo. Più modestamente, vorrei dire che l’uomo stesso, Karol Wojtyła, in quanto uomo di cultura, è stato un vero e proprio umanista. L’uomo colto è un uomo che dice grazie perché sa che ha ricevuto e avrebbe potuto non ricevere. Ed è questo il motivo per cui la lunga lotta di Giovanni Paolo ii a favore dei diritti dell’uomo c’interessa qui. Il concetto di “diritto dell’uomo”, non occorre ripeterlo, è stato forgiato per dire che tali diritti venivano continuamente violati.

Il concetto di un diritto dell’uomo alla cultura, allo stesso modo, è stato forgiato per dire che l’uomo di cultura è un privilegiato in un ambito in cui non ci dovrebbero essere privilegi. Non dobbiamo sognare: un mondo in cui tutti parlino la lingua di tutti, in cui tutti leggano Omero e Shakespeare, tale mondo è senza luogo, è utopico. E tuttavia, nel continente che Giovanni Paolo ii “l’Africano” ha spesso visitato, quanti bambini fanno due ore di strada a piedi, ogni giorno, per andare a scuola? La scuola è alla portata degli occidentali, e i loro figli sanno raramente quanto sono fortunati. Sarebbe bene che lo sapessero. E perché lo sappiano, cosa c’è di meglio che ricordare, in ogni occasione opportuna o non opportuna, che l’uomo è allo stesso tempo animale razionale e animale di cultura, animale insieme di ratio e di “arti”, e laddove le arti vengono trascurate, l’animale razionale perde la propria umanità? Protestare contro l’abolizione dell’uomo, paradossalmente significa permettere ai giovani di leggere Omero o di amare Bach. Protestare contro l’abolizione dell’uomo significa protestare a favore di ciò che bisogna continuare a chiamare “la cultura umanistica”.

Non dobbiamo certo negare la piena e completa umanità di chi non ha letto Omero e non ama Bach. Abbiamo invece il diritto di lottare contro qualsiasi barbarie che proibisca l’accesso a Omero e a Bach. E, di fatto, abbiamo il dovere di far figurare l’accesso a Omero e a Bach tra i diritti fondamentali dell’uomo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE