Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Omelie per gli amici

· Il volume XII dell’Opera omnia di Joseph Ratzinger ·

Con il titolo Annunciatori della Parola e Servitori della vostra gioia. teologia e spiritualità del Sacramento dell’Ordine (Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 2013, pagine 982, euro 55) è in libreria il volume XII dell’Opera omnia di Joseph Ratzinger curata dall’arcivescovo Gerhard Ludwig Müller, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede. Il libro raccoglie studi scientifici, meditazioni e omelie — dal 1954 al 2002 — sul servizio episcopale, sacerdotale e diaconale. Anticipiamo brani di tre omelie: una tenuta nel 1978 nella messa per il settantesimo compleanno del vescovo Ernst Tewes, e le altre due pronunciate nel 1955 e nel 1962 in occasione della prima messa di sacerdoti suoi amici; testi vivaci e commossi, in cui aneddoti personali si alternano a citazioni tratte da scrittori famosi, come Antoine de Saint-Exupéry o il grande scrittore russo Solženicyn. Il pilota francese scrisse un giorno in una lettera a un generale: «Vi è un unico problema nel mondo. Come si possa ridare agli uomini un significato spirituale un’inquietudine spirituale, come far sì che si formi quaggiù qualcosa che assomigli a un canto gregoriano. Lei capisce, non si può più vivere di frigoriferi, di politica, di bilanci, di cruciverba. Non si può più». E nel suo libro Il piccolo principe afferma: «Com’è incomprensibile il mondo degli adulti, delle persone sagge. Noi capiamo solo le macchine, la geografia e la politica. Ma ciò che è essenziale, la luce, le nubi, il cielo e le sue stelle, questo non lo capiamo più». Solženicyn invece racconta il grido d’angoscia di un comunista che si trovava nelle prigioni di Stalin: «Noi avremmo nuovamente bisogno di chiese in Russia e di uomini la cui vita pura faccia rivivere queste chiese e le trasformi in spazio per l’anima». In effetti l’uomo non vive solo di frigoriferi e di bilanci, scriveva il giovane Joseph Ratzinger; quanto più cerca di farlo, tanto più disperato egli diventa, tanto più vuota diviene la sua vita.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE