Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Oltre le difficoltà
aperti all’accoglienza

· Messaggi dal patriarca di Mosca e dal primate anglicano ·

Roma, 27. «I nostri cuori tremano nell’udire la gioiosa notizia della nascita del figlio di Dio proclamata da un angelo ai pastori di Betlemme più di duemila anni fa. La speranza per la salvezza “preparata da te davanti a tutti i popoli” (Luca, 2, 31) dà forza ai cristiani per adempiere ai comandamenti del Vangelo, li ispira a fare del bene e li aiuta a superare le difficoltà e le prove». È l’augurio che il patriarca di Mosca, Cirillo, ha indirizzato in occasione del Natale ai capi delle Chiese cristiane non ortodosse, tra i quali Papa Francesco, il patriarca di Antiochia dei siri, Ignace Youssif iii Younan, il catholicos patriarca della Chiesa assira d’Oriente, Mor Gewargis iii Sliwa, il cardinale patriarca di Antiochia dei maroniti, Béchara Boutros Raï, e il metropolita Baselios Marthoma Paulose ii, catholicos dell’Oriente.

«Lodiamo il Signore — ha aggiunto Cirillo — per l’amore ineffabile che ha rivelato all’umanità, attraverso suo figlio, per la vita che sconfigge la paura della mortalità e ci porta la gioia dell’eternità promessa».

Gli auguri di Natale al Pontefice e agli altri rappresentanti cristiani (tra essi anche il primate della Comunione anglicana, Justin Welby, e il vescovo Heinrich Bedford-Strohm, presidente del Consiglio della chiesa evangelica in Germania) sono giunti inoltre dal metropolita di Volokolamsk, Ilarione, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del patriarcato di Mosca. Nel suo messaggio, ha ricordato che il 25 dicembre «la santa Chiesa celebra la venuta al mondo del Figlio di Dio incarnato, diventato vero uomo per il “riscatto per molti” (Marco, 10, 45). Senza questa misteriosa incarnazione, la salvezza non sarebbe possibile per nessuno di noi, poiché, come ha affermato san Leone Magno, “se Egli, infatti, non fosse disceso fino a noi mediante il suo abbassamento, nessuno, coi propri meriti, sarebbe potuto salire fino a Lui”».

Justin Welby, arcivescovo di Canterbury e primate della Comunione anglicana, nel suo sermone di Natale ha sottolineato quanto sia importante la libertà dell’uomo, quanto sia necessario accogliere coloro che vivono in condizioni difficili e scappano dalle persecuzioni, «come fecero Giuseppe e Maria» e come fanno «altri sessanta milioni di persone» che fuggono in cerca di libertà. «Nel 2017 — ha sottolineato Welby — abbiamo visto in tutto il mondo leader tirannici che schiavizzano i loro popoli, leader populisti che li ingannano, leader corrotti che li derubano, anche semplici leader democratici, leader ben intenzionati di molti partiti e paesi che sembrano essere normali, essere umani fallibili.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE