Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Oltre la grande boa
di Key West

Papa Francesco è arrivato nel pomeriggio di martedì 22 negli Stati Uniti, accolto dal presidente Barack Obama e dal vice Joe Biden. Non era mai accaduto prima. È già difficile che un inquilino della Casa Bianca vada di persona a dare il benvenuto a un ospite straniero all’arrivo — era avvenuto nel 2008 con George W. Bush per Benedetto XVI — e il fatto che fosse presente anche il numero due testimonia della stima della presidenza americana nei confronti del primo Pontefice nato nel continente e l’importanza di questa sua visita.

Del resto quello che lo ha portato da Santiago di Cuba a Washington è stato molto più di un semplice volo aereo di trasferimento da un Paese a un altro nel corso di un viaggio apostolico. È stato il volo che simbolicamente richiama la riconciliazione, la speranza che diviene realtà, perché compiuto da uno dei principali artefici dello storico riavvicinamento tra Cuba e Stati Uniti, come riconosciuto pubblicamente e a più riprese dai rispettivi leader. Manca ancora la revoca dell’embargo, ma la strada ormai è segnata. E le novanta miglia che separano la grande boa posta sul molo di Key West — “il punto più meridionale degli Stati Uniti continentali” e anche di minor distanza dall’Avana — dopo oltre cinquant’anni stanno tornando a essere solo un semplice tratto di mare, non più una barriera.

Il programma non prevedeva, per l’arrivo, nessuna formalità, quindi non ci sono stati discorsi, inni, omaggi alla bandiera. La cerimonia ufficiale di benvenuto si tiene mercoledì 23 alla Casa Bianca, con la visita di cortesia al presidente. Così quello andato in scena martedì pomeriggio è stato una appuntamento quasi familiare (era presente anche la mamma della first lady), reso solenne solo dalla presenza di un piccolo picchetto d’onore. Bilanciato peraltro dal simpatico imbarazzo dei quattro bambini, nelle divise delle rispettive scuole cattoliche, che hanno offerto l’omaggio floreale al Pontefice, il quale li ha saluti con affetto.

dal nostro inviato Gaetano Vallini

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

25 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE