Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Abbandonati nel deserto
oltre cento migranti

· Al confine tra Algeria e Niger ·

Gruppo di migranti fermo nel deserto

Scatta l’emergenza migranti in Africa centrale. Circa 120 tra siriani, palestinesi e yemeniti sono fermi da giorni al confine tra Niger e Algeria. Secondo quanto riporta la stampa, che cita una nota dell’Unhcr (Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati), i migranti, dopo un periodo di detenzione trascorso nel centro di Tamanrasset nel sud dell’Algeria, sono stati trasferiti lo scorso 26 dicembre in un’area vicina al valico di frontiera di Guezzam.

Di questo gruppo, alcune persone sono già note all’Unhcr come rifugiati regolarmente registrati, in fuga da conflitti e persecuzioni. Tra loro molti hanno chiesto protezione internazionale in Algeria. Secondo le informazioni dell’agenzia, venti migranti sono stati trasportati nel deserto e lì abbandonati senza nessun tipo di aiuto. Si troverebbero, al momento, a circa tre chilometri dal valico di frontiera di Guezzam. Le altre cento persone risultano disperse. Non è chiaro se nel gruppo ci siano anche donne e bambini. L’Unhcr è in contatto con le autorità algerine per questa vicenda e chiede la possibilità di raggiungere i rifugiati per valutare i loro bisogni di protezione. Nel comunicato l’agenzia dell’Onu ribadisce che «la sicurezza delle frontiere e la protezione internazionale non si escludono a vicenda».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE