Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Ogni cosa al suo posto

· Il nuovo Museo dell’Opera del duomo di Firenze ·

Il Museo dell’Opera del duomo di Firenze raccoglie statue, rilievi, dipinti, oreficerie, tessuti pregiati e altri oggetti realizzati per la cattedrale e per l’attiguo Battistero di San Giovanni, nonché l’importante corredo scultoreo del campanile di Giotto. Ingrandito negli anni 2012-2015, è diventato la maggiore struttura museale di Firenze dopo gli Uffizi e Palazzo Pitti. 

Porta Nord, Annunciazione

Nella nuova forma verrà inaugurato il 29 ottobre, pochi giorni prima del convegno ecclesiale della Conferenza episcopale italiana e della visita di Papa Francesco. Lo scrive Timothy Verdon aggiungendo che nonostante più di un secolo di attività, il museo si presenta come tutto nuovo, con centinaia di opere restaurate, tra cui la Porta del Paradiso e la Porta nord di Lorenzo Ghiberti, la Santa Maria Maddalena penitente di Donatello, la Cantoria di Luca della Robbia, la monumentale croce d’argento di Antonio Pollaiolo e i preziosi ricami da lui disegnati per i paramenti della festa del santo patrono di Firenze, Giovanni Battista. Nel 2016 avrà inizio poi il restauro della Pietà di Michelangelo, scolpita dal settantenne maestro per la propria tomba e con l’autoritratto dell’artista nei panni di Nicodemo, uno degli uomini che deposero Cristo dalla croce.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2018

NOTIZIE CORRELATE