Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Offensiva europea contro il terrorismo

· ​Smantellata a Berlino una cellula jihadista mentre in Francia e in Belgio resta alta l’allerta ·

Massiccia offensiva antiterrorismo in Europa. Oltre duecento agenti della polizia tedesca hanno effettuato all’alba un raid contro sospette cellule islamiste a Berlino, arrestando due persone. 

Fra loro il presunto leader di un gruppo che stava pianificando un attentato in Siria. Si tratta di un uomo di origini turche, sospettato di guidare «una cellula di jiahdisti formata da turchi e russi provenienti dalla Cecenia e dal Daghestan» ha riferito la polizia tedesca aggiungendo tuttavia che «non c’è alcun indizio che il gruppo stesse preparando un attacco in Germania».

Resta altissima, intanto, la tensione in Francia e in Belgio. Due perquisizioni e una decina di fermi sono stati compiuti questa notte dalla polizia francese nella banlieue di Parigi in relazione agli attentati terroristici della settimana scorsa. La Gare de l’est della capitale francese è stata evacuata questa mattina per due pacchi sospetti. Dopo quasi un’ora è mezza l’allarme è cessato e i servizi sono ripresi normalmente. Questo mentre diversi siti di media francesi sono fuori uso per quello che sembrerebbe un attacco informatico su vasta scala. I siti di molte testate giornalistiche sono completamente fuori uso. In Belgio rimane l’allerta dopo l’operazione di polizia a Verviers, città al confine con la Germania, nella quale ieri sono stati uccisi due sospetti jihadisti. Secondo quanto riferito dalle autorità, i due uomini erano appena rientrati dalla Siria e si apprestavano a compiere attacchi contro la polizia belga. Erano tutti di origine cecena. Dopo l’operazione il procuratore Eric Van Der Sypt ha riferito che l’allerta è stata innalzata a livello tre, il secondo più alto. Stando a fonti della stampa locale, il gruppo di estremisti rientrati dalla Siria voleva dare una dimostrazione di forza rapendo e decapitando una personalità, probabilmente una personalità di spicco o un alto funzionario di polizia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE