Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Obama fissa le tappe
del disgelo con Cuba

· A gennaio i primi provvedimenti di rimozione dell’embargo ·

«Le cose a Cuba non cambieranno dall’oggi al domani e continueremo a pressare sul fronte delle riforme democratiche. Ma siamo di fronte a una grande opportunità». 

Bandiere esposte al balcone di una casa all’Avana (LaPresse/Ap)

Così si è espresso, ricevendo ieri la stampa per gli auguri di fine anno, il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, in particolare riguardo alla questione della tutela dei diritti umani, specificando di comprendere e condividere le preoccupazioni degli attivisti in questo campo. L’annuncio della normalizzazione dei rapporti tra i due Paesi, dato tre giorni fa contemporaneamente al presidente cubano Raúl Castro, è stato l’argomento principale dell’incontro. Obama ha confermato l’intenzione di accelerare i passi necessari a concretizzarlo e non ha mostrato timore per la prospettiva, annunciata da diversi esponenti del partito repubblicano, maggioritario al Congresso, che questo possa bloccare la sua storica decisione di porre fine a un embargo e a un conflitto ideologico durati oltre mezzo secolo. Al riguardo, la Casa Bianca ha indicato che intende varare già nelle prime settimane del 2015 i primi decreti esecutivi che allentino la morsa delle sanzioni politiche ed economiche. Il dipartimento del Tesoro ha pronte le nuove regole per facilitare le esportazioni agricole e ristabilire le relazioni bancarie tra i due Paesi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

06 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE