Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Obama chiede
la revoca dell’embargo per Cuba

· Nell’anniversario dell’avvio del disgelo tra i due Paesi ·

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama (Afp)

«Il Congresso può sostenere una vita migliore per il popolo cubano revocando un embargo che è retaggio di una politica fallimentare». Questo il punto nodale del messaggio espresso ieri dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, nel primo anniversario della storica svolta che ha avviato la normalizzazione dei rapporti tra Washington e L’Avana. L’annuncio del disgelo, come noto, fu dato infatti in contemporanea il 17 dicembre 2014 dallo stesso Obama e dal presidente cubano, Raúl Castro. Dopo un anno, Obama torna dunque a sollecitare il Congresso — dove non mancano oppositori alla rimozione dell’embargo — a non vanificare «gli importanti passi in avanti compiuti per normalizzare le relazioni» bilaterali. Il presidente ha sottolineato che «il cambiamento non avviene in una notte e la normalizzazione sarà un lungo viaggio: gli ultimi dodici mesi, però, ci ricordano i progressi che possiamo fare quando fissiamo la rotta verso un futuro migliore». Proprio in concomitanza con l’anniversario, è stata annunciata la riattivazione dei normali voli commerciali.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE