Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​O Brexit
o mercato unico

· ​L’ipotesi dell’uscita di Londra dall’Ue penalizza le Borse ·

Se Londra sceglie la Brexit, non potrà essere nel mercato comune europeo. Arriva dalla Germania un chiarimento importante per la Gran Bretagna, in vista del referendum del 23 giugno. Se sarà decisa l’uscita dall’Unione europea, Londra non avrà lo stesso trattamento di Norvegia, Liechtenstein, Islanda e anche Svizzera, che sono fuori dalla Ue ma hanno accesso al mercato comune. 

Il chiarimento è fondamentale e viene da fonte autorevole. Si tratta del ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schäuble, considerato un intransigente, ma anche uno dei più europeisti in Germania.
Londra ovviamente tiene in particolare al libero scambio senza frontiere e gli euroscettici britannici come Boris Johnson continuano a ripetere che, una volta uscito dall’Unione, il Regno Unito sarà in grado di rinegoziare, a suo vantaggio, accordi europei. Chiarissimo il ragionamento di Schäuble. Spiega che «la Gran Bretagna nel mercato unico ma fuori dall’Ue non funzionerà», in quanto «si chiederebbe a un paese di rispettare le regole di un club dal quale ha scelto di ritirarsi». C’è da dire che Schäuble, che nella stessa dichiarazione ha avuto parole positive per la Grecia, affermando forse per la prima volta che Atene ha fatto i compiti a casa, bacchetta anche l’Ue. Afferma, infatti, che, comunque andrà a finire, si dovrà ridurre il peso insostenibile della burocrazia di Bruxelles. Il primo a reagire a Londra è stato il cancelliere dello scacchiere George Osborne. Schierato con il premier David Cameron contro la Brexit, Osborne ha parlato di «un intervento importante da parte della Germania».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE