Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nuovi raid su Raqqa

· I jihadisti perdono terreno ·

Ancora violenze in Siria. I militanti della Forza democratica siriana, alleanza di forze curde e arabe nata lo scorso ottobre per combattere contro il cosiddetto Stato islamico (Is), hanno attaccato ieri i jihadisti nella periferia settentrionale di Raqqa, nel nord della Siria.

Caccia francesi nel Golfo persico (Ansa)

Gli scontri sul campo sono avvenuti in concomitanza con i nuovi raid aerei sferrati dall’aviazione francese sulla roccaforte dell’Is in Siria dopo gli attentati compiuti dai jihadisti venerdì sera a Parigi. Secondo quanto reso noto dalle forze armate francesi, nei bombardamenti sono stati distrutti un centro di comando e un centro di addestramento. I raid aerei sono stati effettuati da dieci caccia partiti dalla Giordania e dagli Emirati Arabi Uniti,in coordinamento con le forze statunitensi. Al momento non si conosce il bilancio delle vittime dei raid. L’Is continua a perdere terreno. La Forza democratica siriana ha annunciato di aver riconquistato 196 città e villaggi che erano controllati dai jihadisti. Intanto, la Marina americana ha fatto sapere di aver dispiegato la portaerei Harry S. Truman nel Golfo persico, in attesa della portaerei francese Charles de Gaulle, a sostegno della lotta contro l’Is in Iraq e in Siria.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

06 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE