Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nuovi evangelizzatori negli Stati Uniti

· Un documento della Conferenza episcopale ·

«Unisciti a noi in un viaggio alla riscoperta della fede e dei legami con la comunità ecclesiale»: è l’esortazione che fa da sfondo alla pubblicazione di un documento dei vescovi degli Stati Uniti con il quale si intende rinnovare con grande slancio la missione di diffusione e condivisione del Vangelo alla luce delle profonde trasformazioni della società e dei rischi di secolarizzazione. «All’uomo di oggi», dunque, si rivolge l’iniziativa dell’episcopato incentrata sul vasto riferimento al magistero pontificio e ad altri interventi dell’episcopato o delle singole arcidiocesi o diocesi, racchiusi in un sussidio per tutte le comunità. Disciples Called to Witness: The New Evangelization è il titolo scelto per il documento che, è spiegato in una nota della United States Conference of Catholic Bishops (Usccb) soprattutto «si concentra sul dialogo con i cattolici, praticanti o meno, che hanno perso il senso della fede, nel tentativo di rinvigorirli».

È il presidente del Committee on Evangelization and Cathechesis, il vescovo di Green Bay, David Laurin Ricken, a indicare l’impegno: «Ogni cattolico ha un ruolo nella Chiesa e ogni cattolico è chiamato a diffondere il Vangelo». Tuttavia, aggiunge, «per evangelizzare, una persona deve essere prima evangelizzata. Questo è veramente il cuore della nuova evangelizzazione». Il documento, in particolare, mette in evidenza il richiamo di Papa Benedetto XVI a intraprendere la nuova evangelizzazione con rinnovato vigore e gioia.

In occasione del discorso ai presuli statunitensi in visita ad limina Apostolorum , il 19 gennaio scorso, il Papa ha fra l’altro sottolineato «la necessità di un laicato cattolico impegnato, articolato e ben preparato, dotato di un senso critico forte dinanzi alla cultura dominante e del coraggio di contrastare un secolarismo riduttivo», aggiungendo che «la preparazione di leader laici impegnati e la presentazione di un’articolazione convincente della visione cristiana dell’uomo e della società continuano a essere il compito principale della Chiesa nel vostro Paese; quali componenti essenziali della nuova evangelizzazione, queste preoccupazioni devono modellare la visione e gli obiettivi dei programmi catechetici a ogni livello».

L’iniziativa offre pertanto una risorsa a tutte le diocesi, eparchie e parrocchie per aiutare i fedeli a rinnovare la loro fede e a condividerla con gli altri. «La nuova evangelizzazione — si afferma ancora in un passaggio del documento — è per ogni persona una chiamata ad approfondire la propria fede, ad avere fiducia nel Vangelo e a possedere la volontà di condividerlo. È un incontro personale con Gesù che porta pace e gioia. La nuova evangelizzazione fornisce le lenti attraverso le quali le persone possono sperimentare la comunità ecclesiale e il mondo che le circonda».

Nel testo si osserva che soltanto il 23 per cento dei fedeli partecipa ogni settimana alla messa e si specifica anche che il 77 per cento si astiene dal ricevere l’Eucaristia regolarmente. Riferendosi a uno studio condotto dal Center for Applied Research in the Apostolate, un istituto con base presso la Georgetown University, i vescovi ricordano che le più comuni spiegazioni date dai fedeli circa la loro scarsa pratica della fede non sono legate a questioni complesse, ma soprattutto a un progressivo allontanamento dovuto a problemi personali o familiari, ai ritmi frenetici della vita o ai cambiamenti di cultura. Molti cattolici, per esempio, non partecipano alla messa perché non hanno tempo, essendo oberati da impegni personali o eccessivamente coinvolti nelle responsabilità familiari; perché hanno problemi di salute o con il lavoro, oppure perché ritengono che non partecipare alla messa sia peccato. «In altre parole si tratta — è spiegato — di molti dei nostri fratelli e molte delle nostre sorelle che si sono semplicemente allontanati dalla Chiesa; ma ci sono anche cattolici che partecipano regolarmente alla messa ma che non si sentono coinvolti nella comunità». I mali, in sostanza, vengono individuati nel diffondersi progressivo del materialismo e nell’individualismo. In particolare, si rileva, «il secolarismo influenza tutti gli aspetti della società, pretendendo che la fede diventi una questione meramente privata».

Nel concludere, i vescovi propongono una serie di suggerimenti per tenere viva la fede e aiutare il prossimo nel processo di riavvicinamento profondo alla comunità ecclesiale, a partire dalla necessità di mantenere forti e uniti i matrimoni e le famiglie per «coltivare la cultura della testimonianza», così come quella dei catechisti e degli insegnanti che possono offrire altri esempi di santità. Inoltre si ritiene essenziale mantenere e alimentare la vivacità delle comunità parrocchiali, attraverso anche le attività dei gruppi di preghiera e i ritiri spirituali. E ancora, occorre favorire programmi «per accogliere di nuovo i cattolici alla mensa del Signore» che promuovano uno spirito di fiducia e di ospitalità e che richiedono una leadership attiva. Infine, occorre garantire una predicazione efficace durante le messe della domenica e mettere a disposizione risorse e continuo supporto a favore di coloro che stanno considerando di tornare a una attiva vita di fede.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE