Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Discepoli missionari

· Il Pontefice incontra la scuola di evangelizzazione Sant’Andrea ·

Formare discepoli missionari per l’annuncio del Vangelo. È l’obiettivo della scuola di evangelizzazione Sant’Andrea (Sesa), nata in Messico 35 anni fa per opera di José Prado Flores, conosciuto anche come “Pepe”. I direttori nazionali e internazionali dell’istituzione, insieme con il fondatore, sono stati ricevuti in udienza da Papa Francesco nella mattina di giovedì 11 giugno.

La delegazione era composta da una ventina di persone, provenienti da Messico, Argentina, Brasile, Stati Uniti d’America, Canada, Uganda, Ucraina, Ungheria e Italia. Oltre a presentare al Pontefice le attività svolte dalla scuola a livello mondiale nell’anno 2014, i partecipanti hanno anche illustrato le linee guida per l’evangelizzazione individuate in vista del Giubileo straordinario della misericordia.

Tutti i corsi della Sesa sono finalizzati all’evangelizzazione e alla formazione integrale della persona: non hanno un carattere didattico-catechetico, di lezioni accademiche, ma sono centrati sulla parola di Dio e vengono proposti con una metodologia attiva-partecipativa, esperienziale. La scuola è intitolata a sant’Andrea perché come l’apostolo si vuole portare a Gesù tanti “Pietro” affinché possano amare, servire e annunciare Gesù. Un altro motivo che giustifica il nome sta nella croce tipica del santo, che oltre a simboleggiare il martirio — evangelizzare costa la vita — rappresenta il fattore moltiplicatore: non basta evangelizzare, è necessario formare evangelizzatori, discepoli missionari. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE