Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nuova strage di civili
nello Yemen

· Raid su un mercato di Hodeidah ·

Nuova strage di civili in Yemen: almeno 26 persone sono rimaste uccise in un raid condotto dalla coalizione a guida saudita su un mercato nella parte occidentale del paese. Lo hanno riferito fonti della sicurezza locali, secondo cui nel bombardamento sulla città di Hodeidah, nel distretto di Dawar, controllato dai ribelli huthi, sono rimaste ferite altre otto persone. Testimoni hanno parlato di due raid, uno dei quali avrebbe colpito un ristorante all’interno del mercato.

Bombe sulla città yemenita di Hodeidah (Reuters)

L’aviazione della coalizione guidata da Riad — e che sostiene il presidente yemenita, Abd Rabbo Mansour Hadi, riconosciuto dalla comunità internazionale — ha preso di mira una colonna di ribelli ma questi ultimi si sono rapidamente spostati verso un mercato dove il raid ha sì ucciso sei miliziani huthi ma anche venti civili, secondo quanto hanno riferito fonti locali citate dall’agenzia di stampa Afp. Le forze lealiste e della coalizione guidata da Riad accusano i ribelli huthi di servirsi dei civili come “scudi umani”. Gli huthi hanno invaso dal nord vaste zone del territorio yemenita nell’estate del 2014 e conquistato nel settembre dello stesso anno la capitale Sana’a. Nel marzo del 2015 è intervenuta a fianco del presidente Hadi una coalizione diretta dall’Arabia Saudita e ne è scaturito un conflitto sempre più cruento che sembra non avere fine. Finora, infatti, sono falliti tutti i tentativi mediati dall’inviato speciale delle Nazioni Unite, per giungere a un duraturo cessate il fuoco tra le parti in conflitto. Secondo le stime dell’Onu almeno 7500 le vittime della guerra, oltre 40.000 sono i feriti e circa tre milioni di persone sono state costrette ad abbandonare le proprie case. Entrambe le parti in lotta sarebbero inoltre responsabili della morte di civili. E, sempre a causa della recrudescenza del conflitto — che sempre più spesso viene ignorato dai media internazionali — oltre dieci milioni di persone sono in grave carenza di cibo e milioni di bambini soffrono di malnutrizione acuta. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE