Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nuova speranza
e nuova opportunità

· ​In un videomessaggio alla vigilia del viaggio il Pontefice saluta il popolo cubano ·

In vista del suo arrivo a Cuba, Papa francesco ha inviato un videomessaggio che è stato trasmesso dalla televisione alle ore 20 locali di giovedì 17 settembre. Ne pubblichiamo una nostra traduzione italiana.

Cari fratelli!

Mancano pochi giorni al mio viaggio a Cuba. Per questo motivo, desidero inviarvi un saluto fraterno prima d’incontrarci personalmente. Vi visiterò per condividere la fede e la speranza, affinché ci rafforziamo reciprocamente nella sequela di Gesù. Mi fa molto bene e mi aiuta molto pensare alla vostra fedeltà al Signore, allo spirito con cui affrontate le difficoltà di ogni giorno, all’amore con cui vi aiutate e sostenete nel cammino della vita. Grazie per questa testimonianza tanto coraggiosa.

Da parte mia, vorrei trasmettervi un messaggio molto semplice, ma che ritengo importante e necessario. Gesù vi ama moltissimo, Gesù vi ama veramente. Vi porta sempre nel cuore; Egli sa meglio di chiunque altro di che cosa ognuno ha bisogno, ciò a cui anela, qual è il suo desiderio più profondo, com’è il nostro cuore; e Lui non abbandona mai e quando non ci comportiamo come Lui si aspetta, resta sempre lì accanto, disposto ad accoglierci, a confortarci, a darci una nuova speranza, una nuova opportunità, una nuova vita. Non va mai via, rimane sempre lì.

So che vi state preparando a questa visita con la preghiera. Vi ringrazio infinitamente per questo. Abbiamo bisogno di pregare. Abbiamo bisogno della preghiera. Questo contatto con Gesù e con Maria. E mi dà grande gioia che, seguendo il consiglio dei miei fratelli Vescovi di Cuba, stiate ripetendo molte volte al giorno quella preghiera che abbiamo imparato da bambini. Sacro Cuore di Gesù rendi il mio cuore simile al tuo. È bello avere un cuore come quello di Gesù per sapere amare come Lui, perdonare, dare speranza, accompagnare.

Desidero stare tra voi come missionario della misericordia, della tenerezza di Dio, ma permettetemi di incoraggiarvi a essere anche voi missionari di questo amore infinito di Dio. Che a nessuno manchi la testimonianza della nostra fede, del nostro amore. Che tutti sappiano che Dio perdona sempre, che Dio sta sempre accanto a noi, che Dio ci ama.

Andrò anche al Santuario della Vergine del Cobre come un pellegrino qualunque, come un figlio che desidera giungere alla casa della Madre. A Lei affido questo viaggio e le affido anche tutti i cubani. E, per favore, vi chiedo di pregare per me. Che Gesù vi benedica e la Vergine Maria si prenda cura di voi. Grazie.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE