Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nove giorni di preghiera

· In preparazione al viaggio di Papa Francesco in Terra Santa ·

Nove giorni di speciale preghiera sono stati indetti in preparazione alla visita pastorale in Terra Santa di Papa Francesco dal 24 al 26 maggio. Nei giorni precedenti, dal 14 al 22 maggio — rende noto il sito del patriarcato di Gerusalemme dei Latini — le Chiese gerosolimitane e le comunità cristiane prepareranno e sosterranno spiritualmente il pellegrinaggio e l’incontro del Pontefice con il patriarca ortodosso Bartolomeo, che si terrà in occasione della visita alla città santa. 

La trasformazione dell’albero della barca in una croce è l’innovazione più significativa della nuova versione del logo ufficiale del prossimo viaggio del Papa in Terra Santa pubblicato sul sito popefrancisholyland2014.lpj.org

Tale appuntamento, come è noto, si svolge a cinquant’anni dallo storico incontro di Papa Paolo VI con il patriarca Atenagora a Gerusalemme, e intende portare un positivo rinnovamento nel rapporto tra la Chiesa cattolica e quella ortodossa. I nove giorni di preparazione consisteranno in preghiere individuali e comunitarie nei luoghi santi, sostenute dal digiuno e dall’adorazione eucaristica. Le preghiere comunitarie si terranno di volta in volta in diverse chiese della città santa.

Nelle settimane che precedono la visita di Papa Francesco in Giordania, Palestina e Israele i cattolici di Terra Santa sono stati invitati anche a recitare una speciale preghiera per chiedere al Signore che il pellegrinaggio del Vescovo di Roma porti frutto per i cristiani di tutto il mondo e per la convivenza pacifica in tutto il Medio Oriente. «Padre Celeste — recita la preghiera — tu non ti stanchi di essere amorevole e misericordioso. Il successore di Pietro intende visitare la Terra resa santa dalla nascita, dal battesimo, dall’insegnamento, dalla morte e dalla resurrezione di tuo Figlio. Rimani con lui, santificalo e benedicilo. Stendi il mantello della tua tenerezza su ogni passo del suo pellegrinaggio tra noi, così che ognuno possa vedere in lui un pellegrino appassionato, un maestro saggio e una guida umile».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE