Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nostalgia di paradiso

· ​Papa Francesco alla Porziuncola nell’ottavo centenario del “perdono di Assisi” ·

Si celebra quest’anno l’ottavo centenario dell’indulgenza della Porziuncola, piccola porzione di terreno, con una cappelletta semidistrutta dedicata alla Vergine, che apparteneva ai benedettini di monte Subasio, nei dintorni di Assisi. Da fonti francescane sappiamo che Francesco «amò questo luogo sopra tutti gli altri al mondo, poiché qui — ci dice san Bonaventura nella Leggenda maggiore — cominciò con umiltà, qui progredì nella virtù, qui terminò felicemente il corso della vita».

Sergio Albano «Il bacio al lebbroso» (2003)

Nella Porziuncola il poverello condusse i suoi primi dodici frati. E lì, dove «la Madre delle misericordie» aveva creato qualche anno prima l’ordine dei frati minori, creò anche l’ordine delle sorelle povere. Era il 1211 quando la giovane Chiara, abbandonata «casa, città e famiglia», si rifugiò nella Porziuncola per consacrarsi al Signore e abbracciare la forma di vita che Francesco le avrebbe indicato e che poi Innocenzo IV avrebbe benedetto.

Secondo le fonti, l’indulgenza della Porziuncola fu ottenuta dallo stesso Francesco da Onorio III, quando questi si trovava a Perugia nel 1216. Nota anche come “perdono di Assisi”, essa si celebra tutti gli anni il 2 agosto in tutte le chiese francescane del mondo, in particolare nella basilica di Santa Maria degli Angeli, custode amorosa della perla francescana, luogo santo tra i santi, come si legge sulla porta di entrata della cappelletta.

Bella e provvidenziale coincidenza, questa del centenario, con l’anno della misericordia convocato da Papa Francesco, che proprio alla Porziuncola si reca nel pomeriggio di giovedì 4 agosto. Una coincidenza che ci dà l’opportunità di scoprire Francesco d’Assisi come uno dei grandi profeti e apostoli della misericordia. 

di José Rodríguez Carballo

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE