Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Non sono soli

· In Francia il 15 agosto campane a distesa e preghiere per i cristiani d’Oriente perseguitati ·

Parigi, 13. Sabato 15 agosto, solennità dell’Assunzione della Beata Vergine Maria, le campane di molte chiese di Francia suoneranno a distesa, come segno di solidarietà dei cattolici nei confronti dei cristiani del Vicino oriente vittime di persecuzioni.

L’iniziativa è stata lanciata all’inizio del mese dal vescovo di Fréjus-Toulon, Dominique Rey, attraverso un appello, En union avec les chrétiens d’Orient, pubblicato sul sito in rete della diocesi: «Che il giorno dell’Assunzione, a mezzogiorno, in Francia, le campane di tutte le nostre chiese suonino e i cristiani e tutti coloro che lo vogliono si radunino sui sagrati per esprimere il loro sostegno», per qualche minuto, attraverso la preghiera e il semplice raccoglimento.

Da allora, tante diocesi del Paese hanno aderito alla proposta: prima Gap et Embrun, poi Bayonne, Avignone, Ajaccio, Digne, Vannes, Nancy, fino a Lione e Parigi. Si uniranno anche alcune diocesi di Belgio e Svizzera. I vescovi hanno invitato i fedeli a incontrarsi all’ingresso delle parrocchie per esprimere con le parole e la preghiera la loro vicinanza ai popoli del Medio oriente.

In un video pubblicato sul sito in rete dell’arcidiocesi di Lione, il cardinale Philippe Barbarin, in compagnia dell’arcivescovo di Alep dei Greco-Melkiti, Jean-Clément Jeanbart, ha rinnovato l’appello a suonare le campane di tutte le chiese di Francia il 15 agosto, affinché i cristiani d’Oriente «sappiano che non li dimenticate e che voi volete aiutarli». E il cardinale arcivescovo di Parigi, André-Vingt Trois, ha scritto ai rettori, ai parroci e ai responsabili delle cappelle, affinché propongano per quel giorno un’intenzione particolare durante la preghiera universale. Il porporato ha scritto inoltre una lettera al patriarca di Babilonia dei Caldei, Louis Raphaël I Sako, e al patriarca di Antiochia dei Siri, Ignace Youssif III Younan, nella quale esprime vicinanza ai cristiani di Iraq e Siria e illustra le iniziative che avranno luogo nella sua diocesi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE