Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Non si ferma la violenza in Siria

· Autobomba ad Aleppo fa decine di vittime ·

Violenze senza tregua in Siria. Tra le venti e le quaranta persone, secondo fonti degli attivisti, sono morti ieri nell’esplosione di un’autobomba nei pressi di Aleppo. Tuttavia, il bilancio dell'esplosione resta alquanto incerto: alcune fonti parlano di trenta vittime, altre di quaranta, altre ancora di venti. L’agenzia ufficiale siriana Sana ha attribuito la responsabilità della strage a gruppi armati di terroristi.

Violenti combattimenti tra  forze legate al Governo siriano e oppositori si registrano questa mattina alla periferia di Damasco. Secondo l’Osservatorio siriano  per i diritti umani, i combattimenti sono concentrati nella zona di  Daraya, a sud di Damasco, e nella regione del Ghouta. Entrambe le  aree, secondo gli attivisti, sono attualmente sotto il controllo degli oppositori. Violenti combattimenti con morti e feriti sono segnalati anche nella provincia di Idlib, a Homs, ad Hama e a Deir Ezzor.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE