Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Non si ferma la scia di sangue
di Al Shabaab

· Uccisi 61 militari somali ·

Una rara immagine dei miliziani di Al Shabaab in Somalia

I terroristi hanno infatti lanciato ieri un imponente raid contro una base militare nella regione semiautonoma del Puntland, nel nordest del paese africano, sostenendo di avere ucciso 61 soldati governativi. Ignote le perdite tra i miliziani. Durante l’assalto, i terroristi avrebbero anche sequestrato sedici veicoli militari. La base presa di mira è quella di Af-Urur, che si trova vicino alle montagne di Golis, un noto rifugio per gli islamisti. Il gruppo legato ad Al Qaeda ha già condotto in passato numerosi raid contro basi militari in Somalia. Il Site, il sito che monitora le attività dei jihadisti su internet, ha precisato che gli Al Shabaab hanno rivendicato l’attacco. Nel Puntland, sono attivi diversi gruppi islamisti, tra cui uno che si è separato dagli Al Shabaab nel 2016, allineandosi al sedicente stato islamico (Is).

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 dicembre 2017

NOTIZIE CORRELATE