Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Non è un abbandono

· Commenti di cardinali alla rinuncia al pontificato ·

Dobbiamo credere alla totale sincerità del Papa quando dice che «non è un abbandono». Lo ha detto il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, rispondendo a un’intervista di Fabrizio Ferragni mandata in onda dal tg 1 alle ore 20 di martedì 26 febbraio. «Nell’intervista a Peter Seewald — ha ricordato il porporato — il Papa aveva detto: “la Chiesa può avere momenti molti difficili, momenti di grande difficoltà; il Papa non abbandona la barca di Pietro, ma, quando sente che mancano le forze e in un momento di ponderazione davanti a Dio e davanti anche alla Chiesa stessa, può decidere di rinunciare al ministero petrino”; e così ha fatto. E mi sembra che nelle motivazioni che egli ha espresso si intuisca che egli si sente mancare le forze. Me lo ha ripetuto anche in questi giorni». Quindi ha precisato che il Pontefice ha sentito di dover fare questo passo «specialmente pensando ai viaggi, alla responsabilità della Chiesa universale». Tuttavia lo ha fatto «senza fuggire dalle responsabilità e senza abbandonare la Chiesa».

Il cardinale Walter Kasper, presidente emerito del Pontificio Consiglio per la promozione dell’Unità dei Cristiani, in una intervista rilasciata a Raffaele Luise e mandata in onda durante il giornale radio della prima rete Rai, trasmesso alle 8 di questa mattina, mercoledì 27, si è riferito al momento attuale della Chiesa e ha detto che «la sfida principale oggi è la trasmissione della fede. Dobbiamo realizzare la percezione del concilio Vaticano II; non abbiamo compiuto questo lavoro. È molto importante poi realizzare pienamente la collegialità». E ancora a proposito del futuro ha detto che c’è bisogno di «una Chiesa modesta, non autoreferenziale, povera forse no, ma modesta e anche umile».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE