Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Non è islam
se giustifica la violenza

· ​In Egitto ribadito il ruolo degli imam nel contrasto agli estremismi ·

Il Cairo, 21. Il ruolo delle istituzioni religiose è cruciale nel raggiungimento della stabilità del Paese e per contrastare l’attività di predicatori «non professionali». È quanto ha sottolineato il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi, che proprio nelle ore in cui il Paese è stato nuovamente scosso da azioni terroristiche, è tornato ad affrontare l’argomento dell’estremismo religioso presente nella società egiziana. Lo ha fatto incontrando una delegazione di imam e leader religiosi musulmani ai quali ha ricordato la forte responsabilità delle autorità islamiche in questo periodo, in particolare per quanto riguarda le fatwa, i pareri religiosi, che possono giustificare l’estremismo.

Secondo al Sisi la religione islamica è stata particolarmente colpita dalla recente ondata di estremismo e tutti i musulmani dovrebbero trasformarsi in «ambasciatori della loro religione, al fine di riflettere nella propria vita i suoi insegnamenti». Per il presidente in questo quadro è importante sradicare alla radice il dilagare delle ideologiche terroristiche ed estremiste nelle società islamiche.
Sempre al Cairo l’organizzazione egiziana al Ifta Dar ha organizzato una conferenza dal titolo «I problemi della fatwa nel periodo contemporaneo», a cui hanno partecipato importanti figure religiose e politiche, compreso il primo ministro egiziano Ibrahim Mahlab. Nel suo discorso pronunciato in chiusura dell’evento, il premier ha dichiarato che il convegno è un esempio del grande sforzo intrapreso da intellettuali e religiosi egiziani per contribuire alla comprensione e nel diffondere «il vero volto dell’islam, e aiutare i musulmani a contrastare il pericolo incarnato dalle idee fondamentaliste».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE