Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Non dirmi che hai paura

· Il romanzo ·

Ha la corsa nel sangue, Samia. Insieme con l’amico Ali, confidente e primo allenatore, corre per le strade di Mogadiscio. Si allungano i suoi muscoli e crescono i suoi sogni, ma anche la guerra civile e l’irrigidimento politico della Somalia. Le gambe magrissime e veloci di Samia continuano a correre, mentre l’odore della polvere da sparo diventa presenza quotidiana in una città travolta dall’odio. Vuole correre per sé, per le donne somale, per i suoi genitori (bellissima la figura del padre, che rischia, sa di rischiare e cadrà perché convinto che le sue figlie debbano scegliere il loro destino). Si allena di notte, Samia, si allena senza scarpe e senza mezzi: riuscirà così a farsi notare, fino a volare alle Olimpiadi di Pechino, pur senza vincere. Samia è sicura della sua meta: Londra 2012. Ma mentre la data si avvicina, tutto si sgretola attorno a lei: corre ormai chiusa nel burqa, il padre viene assassinato, la sorella fugge in Europa e Ali diventa un terrorista. Samia, che aveva giurato che mai avrebbe abbandonato il suo Paese, capitola: prima ad Addis Abeba da clandestina, poi il terribile viaggio dei migranti verso l’Europa, passando per Sudan, Sahara e Libia. Umiliazioni, violenze, stenti, terrore: la ragazza — la cui storia è raccontata da Giuseppe Catozzella (Non dirmi che hai paura, Feltrinelli, 2014) — si concentra su dettagli e ricordi per non impazzire. Ma alla fine cederà, richiamata dal canto delle sirene del mare vicino a Lampedusa. (@GiuliGaleotti)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

09 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE