Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Non c’è pace
per lo Yemen

· Strage di agenti nella città di Mukalla ·

Non c’è pace nello Yemen dove un nuovo attentato suicida, rivendicato dal cosiddetto Stato islamico (Is), contro un commissariato di polizia a Mukalla, capitale della provincia sud-orientale yemenita di Hadramut — controllata fino allo scorso mese dai terroristi di Al Qaeda nella penisola arabica — ha provocato almeno 47 morti, tra cui 41 reclute che aspettavano in fila davanti alla caserma Al Najda, per entrare nell’esercito governativo yemenita. I feriti sono più di 60.

l commissariato attaccato della città di Mukalla (Afp)

Lo riferiscono fonti della sicurezza. L’attentatore suicida è riuscito a infiltrarsi nella fila delle aspiranti reclute e si è fatto esplodere. Giovedì della scorsa settimana i miliziani dell’Is avevano rivendicato un’altra strage contro l’esercito yemenita a Khalf, a est di Mukalla, dove tre attentatori suicidi avevano provocato la morte di almeno 15 soldati yemeniti. Il cosiddetto Stato islamico sembra prendere a Mukalla le posizioni che una volta erano occupate da Al Qaeda dopo che le forze governative, appoggiate dalla coalizione guidata dall’Arabia Saudita, sono riuscite il 24 aprile a riconquistare questa grande città portuale. I jihadisti dell’Is e di Al Qaeda hanno approfittato del sanguinoso conflitto in atto tra le forze governative del legittimo presidente yemenita, Abd Ravvo Mansour Hadi, e i ribelli huthi, per intensificare le loro azioni nel sud-est del Paese. E, nelle stesse ore in cui l’Is continua a mettere a segno i suoi attacchi micidiali (oltre allo Yemen anche in Iraq), i conflitti in Siria, Libia e Yemen sono stati al centro di un colloquio avuto ieri in Arabia Saudita dal segretario di Stato americano, John Kerry, con il re Salman, alla vigilia di una settimana importante per i processi negoziali. Obiettivo del capo della diplomazia di Washington è cercare di rendere nuovamente operativa la tregua in Siria e rafforzare il sostegno internazionale al Governo di accordo nazionale in Libia.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 febbraio 2020

NOTIZIE CORRELATE