Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

A Gerusalemme
non diminuisce la tensione

· Nonostante la decisione israeliana di rimuovere i metal detector dagli ingressi ·

Non cala la tensione a Gerusalemme nonostante la decisione israeliana di rimuovere i metal detector dagli ingressi nell’area circostante la moschea di Al Aqsa. Anche oggi sono previste manifestazioni di protesta: i palestinesi chiedono il rispetto della libertà religiosa. Questo mentre prosegue il lavoro della diplomazia per cercare di stemperare la crisi.

La città vecchia di Gerusalemme (Ap)

Come detto, i ministri israeliani hanno deciso di mettere fine all’utilizzo dei metal detector all’ingresso dell’area della moschea di Al Aqsa. Lo ha deciso ieri il gabinetto di sicurezza a Gerusalemme dopo che la misura aveva innalzato quasi al limite la tensione in tutto il Vicino oriente con scontri e violenze. L’esecutivo ha detto di aver «accettato la raccomandazione di tutti gli organismi di sicurezza» (anche i servizi segreti ne avevano sconsigliato l’uso) per «sostituire i metal detector con altri sistemi di sorveglianza basati su tecnologia avanzata e altri strumenti». Non è chiaro a quali tipo di tecnologia si riferisca il governo israeliano, che però all’ingresso dell’area ha già stata installato delle telecamere di video-sorveglianza. Intanto, il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha ricevuto ieri l’emissario del presidente statunitense, Donald Trump, Jason Greenblatt. Questi prevede di incontrare anche il presidente palestinese Mahmoud Abbas, che venerdì aveva annunciato la sospensione dei contatti con Israele. Per l’amministrazione Trump si tratta dunque di un primo banco di prova nel conflitto israelo-palestinese. Manifestazioni di ostilità a Israele si sono svolte sabato scorso di fronte a due sinagoghe in Turchia. Ieri, secondo i media, l’ambasciata israeliana di Ankara e il consolato di Istanbul sono rimasti chiusi. «Siamo vicino a un degrado molto grave della situazione» ha avvertito l’ex ministro degli esteri Tzipi Livni. «Siamo a un solo passo dalla trasformazione del conflitto fra Israele e i palestinesi in un evento pan-musulmano contro lo stato di Israele». Tensione altissima anche in Giordania, ad Amman, dopo l’incidente avvenuto davanti all’ambasciata israeliana.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE