Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Non bastano i fondi per i migranti
e l’Unhcr si appella ai privati

· ​Mattarella ribadisce la priorità assoluta di salvare vite umane ·

Bruxelles, 18. Milioni di rifugiati sono a rischio se gli aiuti umanitari non aumenteranno. L’allarme è dell’Alto Commissariato Onu per i Rifugiati, Uhncr, che chiede esplicitamente il sostegno ai soggetti privati. Il bisogno stimato è di circa mezzo miliardo di dollari, pari a 440 milioni di euro, per assicurare un alloggio a circa due milioni di profughi entro il 2016.

Soccorsi ai migranti nel Mediterraneo (Ap)

L’Unhcr lancia la campagna dal titolo «Nessuno sia lasciato fuori», che si rivolge al «settore privato, persone, aziende, fondazioni e filantropi in tutto il mondo», precisando che nel 2015 il settore privato ha contribuito per l’8 per cento al finanziamento dell’agenzia. La «priorità assoluta è salvare vite umane, soccorrere chi si trova in condizioni di difficoltà e di sofferenza». A ribadirlo è il presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, all’apertura della conferenza Italia-Africa.

Il presidente ricorda che «l’Italia ha sostenuto costantemente l’esigenza di strategie lontane dalla logica semplicistica che vorrebbe rispondere al fenomeno delle migrazioni attraverso l’erezione di muri e barriere». Nell’analisi del capo di Stato italiano c’è l’ampia visione in cui si deve porre il fenomeno migratorio. Mattarella parla infatti di «pace, lotta al terrorismo, tensioni politiche, fame, carestia e malattie, politiche economiche e sociali, lotta alla corruzione». Tutto questo rappresenta per Mattarella l’insieme delle «sfide di oggi che si trovano di fronte l’Europa e l’Africa». E il capo di Stato chiede che le agende politiche siano coerenti fra loro e il più possibile incisive.

Intanto, restano le difficili situazioni sui vari fronti. Continui gli arrivi, tra gli ultimi in ordine di tempo quello di 349 persone giunte a Messina e altre 200 a Catania, dopo essere state intercettate e salvate in diverse operazioni lungo il Canale di Sicilia. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE