Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

No a una società di pochi e per pochi

· Nella messa a Ecatepec l’appello a non chiudere gli occhi davanti alle ingiustizie ·

“Abbiamo scelto Gesù e non il demonio: vogliamo seguire le sue orme, ma sappiamo che non è facile. Sappiamo che cosa significa essere sedotti dal denaro, dalla fama e dal potere. Perciò la Chiesa ci dona questo tempo, ci invita alla conversione con una sola certezza: Lui ci sta aspettando e vuole guarire il nostro cuore da tutto ciò che lo degrada, degradandosi o degradando altri. È il Dio che ha un nome: misericordia. Il Suo nome è la nostra ricchezza, il Suo nome è la nostra fama, il Suo nome è il nostro potere”. Lo ha affermato Papa Francesco all’omelia della messa celebrata nella prima domenica di Quaresima, 14 febbraio, a Ecatepec, popoloso sobborgo alla periferia della capitale messicana. Nell’area campestre del locale Centro di studi superiori, erano presenti soprattutto laici impegnati nella Chiesa e numerose famiglie.

L’omelia del Papa 

L’Angelus

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE