Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

No a povertà ed esclusione

· ​In un messaggio e con un appello il Papa chiede che a tutti siano garantiti i beni materiali e spirituali indispensabili. E all’udienza generale dedicata ai bambini domanda perdono per gli scandali a Roma e in Vaticano ·

Un duplice no a povertà ed esclusione è stato ribadito da Papa Francesco con la rinnovata richiesta che a tutti siano garantiti i beni materiali e spirituali indispensabili. 

Il Pontefice ha affrontato la tematica economica con un appello all’udienza generale di mercoledì 14. Ricordando la prossima celebrazione della Giornata mondiale del rifiuto della miseria il Papa ha sottolineato che «si propone di accrescere gli sforzi per eliminare l’estrema povertà e la discriminazione». Di conseguenza «siamo tutti invitati a fare nostra questa intenzione».

In precedenza il Pontefice aveva dedicato la catechesi alle promesse che si fanno ai bambini. E in proposito, «a nome della Chiesa», ha chiesto perdono «per gli scandali che in questi ultimi tempi sono accaduti sia a Roma che in Vaticano».

La catechesi del Papa 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE