Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

No alle spose bambine in Swaziland

Nello Swaziland è stata recentemente dichiarata illegale la pratica dei matrimoni tra uomini adulti e ragazze minorenni. Accettata per secoli e conosciuta nella lingua swazi come kwendizisa , la pratica era stata salvata dalla Costituzione del Paese del 2005. Con la promulgazione nel 2012 della legge sulla protezione e tutela dei bambini, invece, la kwendizisa è stata bandita, anche perché negli ultimi anni è andata sempre più collegandosi con la diffusione dell’Hiv (nello Swaziland si registra il tasso di prevalenza più elevato al mondo): le adolescenti sposate rischiano infatti il contagio a causa delle unioni poligame e delle violenze sessuali, a cui si devono aggiungere una limitata mobilità sociale, bassi livelli di istruzione e uno scarso accesso ai mezzi di comunicazione. Perseguendo penalmente gli uomini che sposano le bambine, la nuova legge colpisce anche i genitori e i tutori collusi. I trasgressori rischiano pene detentive fino a vent’anni.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE