Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​No alla violenza su donne e bambini

· ​Udienza a responsabili di organizzazioni internazionali ·

Papa Francesco appoggia pienamente l’impegno per far rispettare i diritti umani violati nel mondo e si associa in particolare a quanti operano per mettere fine alla violenza sui bambini e sulle donne nel corso dei conflitti. Lo ha riferito Maria Cristina Perceval, rappresentante permanente della missione permanente di Argentina presso le Nazioni Unite, dopo l’incontro con il Pontefice avvenuto venerdì mattina, 10 aprile. Ad accompagnarla erano l’algerina Leila Zerrougui, la sierraleonese Zainab Bangura e la congolese Julienne Lusenge.

Insieme hanno parlato con il Papa della cultura del rispetto, della riconciliazione, della tolleranza e della pace, ma anche della prevenzione, della protezione e della necessità che i responsabili dei crimini commessi non restino impuniti. La signora Perceval ha inoltre sottolineato come troppo spesso le vittime delle violenze nei conflitti siano i soggetti più deboli: i bambini, le donne, i poveri, le minoranze etniche e religiose. Il Pontefice ha convenuto sulla necessità che queste vittime non vengano colpevolizzate e discriminate, ma siano reintegrate nelle famiglie e nella società.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE