Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

No al virus
del consumismo

· Nella basilica Vaticana la messa per la comunità congolese ·

Il consumismo è «un virus che intacca la fede alla radice» e genera «rabbia e voglia di cercare un nemico a tutti i costi». Lo ha detto il Papa all’omelia della messa celebrata per la comunità congolese domenica mattina, 1 dicembre, nella basilica Vaticana. Quando «si hanno tanti beni», ha ammonito, «non si fa più il bene; le case si riempiono di cose ma si svuotano di figli. Questo è il dramma di oggi: l’inverno demografico che stiamo soffrendo». E «quando si vive per le cose — ha incalzato — l’avidità cresce e gli altri diventano intralci», si finisce «per sentirsi minacciati» e «si alza il livello dell’odio».

L'omelia

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE