Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nigeria insanguinata

· Autobomba a Kano dopo un’altra strage di civili nel Borno ·

Non s’interrompono le stragi in Nigeria, mentre l’attenzione internazionale resta concentrata sulla vicenda delle oltre duecento studentesse sequestrate da Boko Haram a metà aprile a Chibok, nello Stato nordorientale del Borno. Quaranta abitanti del villaggio di Dalwa-Masuba, sempre nel Borno, sono stati uccisi ieri in un attacco sferrato da Boko Haram, che nello stato nordorientale ha la sua principale roccaforte. A Boko Haram viene attribuito dagli inquirenti, pur in assenza di rivendicazioni, anche l’attentato terroristico di questa notte a Kano, la principale città settentrionale nigeriana, capitale dell’omonimo Stato. La polizia ha riferito di almeno cinque morti provocati da un attentatore suicida alla guida di un’autobomba fatta deflagrare nel quartiere di di Sabongari, abitato in prevalenza da cristiani.La stampa britannica, intanto, riferisce di una trattativa in atto con Boko Haram — della quale non ci sono peraltro conferme da parte delle autorità nigeriane — per arrivare alla liberazione delle studentesse.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE