Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nessuno sarà escluso

· Dalle scuole che fanno capo all’arcidiocesi maronita di Beirut ·

Anche gli studenti che appartengono a famiglie povere potranno frequentare le scuole che fanno capo all’arcidiocesi maronita di Beirut. Lo ha deciso l’arcivescovo Paul Abdel Sater il quale ha precisato che nessuno studente verrà escluso. La difficile congiuntura economica e i maggiori costi di gestione legati all’aumento dei salari di docenti e non docenti sta aggravando di anno in anno la crisi delle scuole cattoliche libanesi. Tante famiglie, infatti, non riescono più a pagare le rette mensili per poter assicurare ai propri figli adeguati livelli di istruzione. In uno scenario così preoccupante, il presule maronita ha disposto che tutte le scuole «de la Sagesse», di ordine e grado, dipendenti direttamente dall’arcidiocesi, dovranno per quest’anno garantire l’accesso alle lezioni e la continuità scolastica a tutti gli studenti già iscritti, compresi i figli e le figlie di genitori che non riescono a sostenere i costi annuali delle rette stabilite dai singoli istituti. L’arcidiocesi si è impegnata a trovare soluzioni e finanziamenti per aiutare le scuole impossibilitate ad affrontare con le proprie forze la situazione di emergenza. La situazione economica di molti istituti scolastici privati si è aggravata soprattutto a partire dall’estate 2017, dopo che il governo di allora ha disposto le nuove “griglie salariali” per i lavoratori del settore pubblico, comprendente anche il comparto scolastico. Da due anni a questa parte, dunque, la situazione è diventata insostenibile soprattutto per gli istituti scolastici che operano nelle aree urbane e rurali meno prospere del Paese. Finora, da rappresentanti autorevoli della Chiesa maronita — riferisce l’agenzia Fides — erano stati rivolti soprattutto appelli al governo e alle istituzioni nazionali, con la richiesta esplicita di «assumersi le proprie responsabilità» investendo risorse pubbliche che adesso sarebbero necessarie per sostenere il sistema scolastico in crisi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE