Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nessuno è escluso

· All’Angelus il Papa ricorda che la bontà di Dio non ha confini e non discrimina ·

La bontà di Dio «non ha confini e non discrimina nessuno». Per questo il regno di Dio — ha ammonito Papa Francesco all’Angelus di domenica 12 ottobre — non può essere racchiuso «nei confini della nostra “chiesetta piccoletta”» ma deve «dilatare la Chiesa» spalancando le sue frontiere a tutti gli uomini. Unica condizione per entrarvi è quella di «indossare l’abito nuziale, cioè testimoniare la carità verso Dio e verso il prossimo».

«I poveri sono invitati alla festa» (arte camerunense)

La riflessione del Pontefice ha preso spunto dalla parabola del banchetto di nozze narrata dal Vangelo di Matteo (22, 1-14). La sala disertata dai primi invitati, ha ricordato in proposito Francesco, «si riempie di “esclusi”» e tra loro c’è «gente qualunque, poveri, abbandonati e diseredati, addirittura buoni e cattivi». Così «il Vangelo, respinto da qualcuno, trova un’accoglienza inaspettata in tanti altri cuori».

Questo fa capire che «il banchetto dei doni del Signore è universale». A tutti infatti «è data la possibilità di rispondere al suo invito, alla sua chiamata; nessuno ha il diritto di sentirsi privilegiato o di rivendicare un’esclusiva». Da qui l’invito del Papa «a vincere l’abitudine di collocarci comodamente al centro, come facevano i capi dei sacerdoti e i farisei». Un atteggiamento che non appartiene al vero cristiano, chiamato invece ad aprirsi «alle periferie» e a riconoscere che «anche chi sta ai margini, addirittura colui che è rigettato e disprezzato dalla società è oggetto della generosità di Dio».

Prima dell’Angelus — durante il quale il Pontefice ha invitato i fedeli riuniti in piazza San Pietro a pregare per le vittime della devastante alluvione che ha colpito in questi giorni Genova — ha avuto luogo nella basilica vaticana la messa di ringraziamento per la canonizzazione equipollente di due santi canadesi, il vescovo Francesco de Laval e Maria dell’Incarnazione Guyart Martin. All’omelia Papa Francesco ha invitato in particolare a «fare memoria dei testimoni, dei missionari della fede», rivolgendo il suo pensiero ai tanti uomini e donne che ancora oggi finiscono «uccisi, assassinati» lontano dalla loro casa.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE