Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Mi può capire solo zio Romano

· Guardini, la depressione e le lettere della nipote prediletta ·

«Credimi, Josef, nella nostra famiglia c’è un dolore, è una cosa senza speranza. Si nasconde dentro e poi sopraggiunge un dolore esterno da sé» scrive Romano Guardini all’amico Josef Weiger, anch’egli malato di depressione. Il grande teologo e filosofo soffriva di quella condizione che noi oggi siamo abituati a diagnosticare come depressione, mentre lui preferiva chiamarla malinconia, riallacciandosi così alla tradizione classica. Infatti la parola malinconia non evoca immediatamente malattia e medici, trattamenti psichiatrici o sedute di psicanalisi, ma piuttosto uno stato d’animo dal quale possono nascere anche frutti positivi di natura spirituale. Guardini era ben consapevole di soffrirne, e sapeva che questa condizione aveva radici nella sua famiglia: «Avevo anche portato in me fin da bambino l’eredità della malinconia di mia madre: eredità che in sé non è cattiva; è la zavorra che dà all’imbarcazione il suo pescaggio».

Albrecht Dürer, «Melencolia I» (1514)

Proprio per questo Guardini fu il primo ad accorgersi della sofferenza della nipote Romana, che portava il suo nome e della quale era padrino. Era figlia del fratello Aleardo, morto quando la ragazza era ancora giovinetta, e per aiutarla il teologo le offrì la possibilità di scrivergli, narrandogli la sua vita e le sue difficoltà, cosa che Romana fece con piena fiducia, perché era perfettamente sicura di essere compresa.

Non sono rimaste le lettere di Guardini alla nipote, purtroppo, ma Giuliana Fabris ha pubblicato quelle della giovane nel libro “Caro zio Romano...”. Malinconia e spiritualità nelle lettere di Romana Guardini (presentazione di Carlo M. Fedeli, Padova, Il Poligrafo, 2014, pagine 255, euro 24). Sono lettere di dolore, che però rivelano una sensibilità particolarmente viva, una capacità straordinaria di sentire la natura, di entrare in contatto con gli animali e di descrivere il mondo circostante con parole profonde e poetiche. Ma sono anche confessione piena del dolore psichico che prova, e che le rende così difficile vivere: «Di nuovo quel senso di solitudine, solitudine del proprio destino umano, dell’uomo solo davanti a sé, agli uomini e davanti a Dio, mi tormenta vorrei dire quasi a frustate» scrive, e aggiunge: «È come un’ossessione che mi segue. Pare che non si riesca a sormontarlo. Ho quasi pudore a parlare di tutto ciò, sento che nessuno lo capirebbe. Solo zio Romano».

Guardini comprende bene le difficoltà che incontra una giovane donna in un Paese, l’Italia, dove l’emancipazione è molto più difficile che in Germania. E anche, più profondamente — come scrive la curatrice — sa che «c’è soprattutto una difficoltà precipua della donna perché è lei che genera la vita, e per questo è più minacciata dalle forze oscure del male». Giuliana Fabris, filosofa e psicoterapeuta, inquadra molto bene queste lettere nella vita del grande pensatore novecentesco, offrendo un’occasione in più per comprenderne il pensiero.

Lucetta Scaraffia

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE