Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nessuna
alternativa a Trump

· Le primarie nell’Indiana segnano il ritiro del repubblicano Cruz mentre in campo democratico vince Sanders ·

Le primarie nello Stato dell’Indiana segnano un colpo di scena. La netta vittoria nel campo repubblicano di Donald Trump ha portato il senatore conservatore del Texas, Ted Cruz, che si proponeva come l’unica alternativa al miliardario statunitense, ad annunciare il ritiro dalla corsa alla nomination per le presidenziali. 

Il candidato repubblicano Trump vincitore nell’Indiana (Afp)

Cruz è stato sconfitto pesantemente, con un distacco di circa 20 punti. Trump si vede ora la strada spianata per la nomination in una gara a due con il governatore moderato dell’Ohio John Kasich, che ha deciso di continuare a correre nonostante l’ultimo risultato davvero basso, che lo pone a circa 30 punti di distacco. Sorpresa anche in campo democratico. Bernie Sanders smentisce i sondaggi imponendosi alla fine di un lungo testa a testa, dopo un iniziale vantaggio di Hillary Clinton. Ottiene il 53,2 per cento dei consensi rispetto al 46 per cento della ex segretario di Stato. Sanders conferma che andrà avanti fino alle primarie della California il 7 giugno. Lo svantaggio nel conto dei delegati accumulato finora, però, è troppo ampio per essere colmato. Il senatore del Vermont raccoglie indubbiamente un successo importante sul piano dell’immagine e la sua vittoria rivela anche un elettorato ancora spaccato a metà. Sanders potrebbe forzare i democratici ad avere una convention divisa, ma difficilmente ne uscirebbe vincitore. Sarebbe un indubbio danno per il partito. La sconfitta di Clinton in Indiana — secondo alcuni analisti — sembra confermare la debolezza della sua candidatura in particolare nell’elettorato bianco. Questo potrebbe aprire la porta a un duro scontro con Trump a novembre, al voto decisivo.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE