Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nessun buonismo

· Itinerari della misericordia ·

La guida I santi della misericordia. Itinerari a Roma e dintorni (Roma, Ecra, 2015, pagine 159, euro 14) suggerisce ai pellegrini itinerari spirituali e offre spunti di meditazione su numerosi santi. In ogni capitolo il lettore troverà un profilo biografico sintetico di un santo o di una santa, alcune sue frasi o preghiere sulla misericordia, la sua presenza storica o testimoniale a Roma, curiosità, informazioni pratiche, contatti utili, segnalazioni di chiese e monumenti da visitare nei dintorni. 

Caravaggio, «Madonna dei pellegrini» (1604, Roma)

Nella prefazione il cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, sottolinea che la misericordia non è “buonismo”, semplicemente perché non è opera nostra. I santi conoscono per esperienza diretta questa verità e l’hanno testimoniata con la vita; hanno compreso nei fatti che la misericordia di Dio è luce di amore e tenerezza, portatrice intrinseca del Suo perdono. È la via privilegiata per favorire la comprensione tra le differenze e per far scaturire la pace dai conflitti. Non si tratta di buone intenzioni: nella loro carne viva i santi — uomini, donne, adolescenti e bambini — hanno avuto lo sguardo mite di Cristo sulla realtà, sulle situazioni concrete, anzitutto sulle persone che hanno incrociato il loro cammino terreno.

Nel Giubileo straordinario della misericordia, i pellegrini che verranno a Roma potranno ripercorrere i passi compiuti da alcuni santi, avvalendosi dei suggerimenti di questa guida. Ma gli itinerari proposti nei vari capitoli possono essere compiuti anche da chi non avrà la possibilità di recarsi fisicamente in chiese, monasteri, luoghi, tombe che costituiscono le memorie visibili riassunte in questo volume. Scoprire o riscoprire le figure di martiri dei primi secoli e di santi più vicini cronologicamente alla nostra epoca è anzitutto uno stimolo a sondarne la spiritualità, il carisma, ma soprattutto la capacità di abbandonarsi a Dio per compiere a nostra volta opere di misericordia corporale e spirituale. Lo auspica spesso Papa Francesco, che ha indetto l’Anno santo straordinario per rinnovare lo slancio di conversione in ciascun credente.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

06 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE