Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nell’interesse dei cittadini e del bene comune

· Ai prefetti d’Italia il Papa ricorda che la funzione civile va esercitata con dignità e responsabilità ·

La funzione civile «è talmente eminente e insigne da rivestire un carattere quasi “sacro”». Per questo esige di essere esercitata «nell’interesse dei cittadini e del bene comune» con «grande dignità» e «vivo senso di responsabilità». Lo ha detto il Papa ai prefetti italiani durante l’udienza svoltasi nella mattina di venerdì 14 ottobre, nella sala Clementina. Soprattutto in un periodo di «incertezza sociale ed economica» — ha rilevato Benedetto XVI — i prefetti sono chiamati a essere «quasi un presidio per le categorie più deboli», unendo «autorevolezza e professionalità» nello svolgimento dei propri compiti. Il Pontefice ha poi richiamato la presenza «radicata» e «capillare» della Chiesa nel territorio del Paese, sottolineando che essa «desidera costruire, insieme con gli altri soggetti istituzionali e le varie realtà territoriali, una salda piattaforma di virtù morali, su cui edificare una convivenza a misura d’uomo». Dal Papa anche un riferimento alla figura di sant’Ambrogio, patrono del corpo prefettizio, esempio di «lealismo alla legge» e «fermezza contro le ingiustizie e le oppressioni».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE