Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nella tilma
della Vergine di Guadalupe

· Messaggio per i sessant’anni del Celam ·

In occasione del sessantesimo anniversario del Consiglio episcopale latinoamericano (Celam), il Papa ha inviato al presidente, il cardinale Rubén Salazar Gómez, il messaggio che pubblichiamo

in una traduzione italiana.

Caro Fratello,

In occasione dei 60 anni del Consiglio Episcopale Latinoamericano (Celam), desidero unirmi in preghiera di azione di grazie per tutto il bene che il Signore ha via via seminato e che ha recato frutto per mezzo del suo servizio alla Chiesa di Dio in America Latina.

Spero che il Celam, avendo come priorità la conversione pastorale e missionaria, sia sempre più partecipe, sostegno e impeto irradiante di questo movimento evangelizzatore verso tutti gli ambiti e i confini. È importante che le nostre comunità siano “casa e scuola di comunione”, che attraggano per una sorprendente fraternità fondata sul riconoscimento del Padre comune, e aiutino a mantenere sempre viva nella Chiesa in America Latina la passione per i nostri popoli, l’assunzione delle loro sofferenze e la capacità di discernimento cristiano delle vicissitudini della loro storia presente, per aprire cammini di maggiore equità, pace e giustizia.

La prossima apertura del Giubileo straordinario della Misericordia sarà un evento di grazia in cui il Celam dovrà prestare un servizio fondamentale di animazione, scambio e celebrazione.

Caro Fratello, nel trasmetterle i miei più cordiali saluti di viva stima, imparto a tutti i membri e ai collaboratori del Celam, e a tutto l’episcopato latinoamericano e dei Caraibi, la mia Benedizione Apostolica, ponendo nella tilma [mantello] di Nostra Signora di Guadalupe, patrona d’America, tutti questi propositi affinché, con la sua intercessione, Nostro Signore Gesù Cristo susciti sempre nuovi e più santi discepoli missionari nelle nostre Chiese, e più coraggiosi costruttori di pace e di giustizia nelle nostre nazioni.

Fraternamente.

Vaticano, 12 ottobre 2015

Francesco

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE