Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I buoni frutti del Cammino ignaziano

· Presentato dalla Compagnia di Gesù il percorso che collega Loyola a Manresa ·

Ventisette tappe per seicentocinquanta chilomentri uniranno le città di Loyola e Manresa, in Spagna. Si tratta del Cammino Ignaziano, che la Compagnia di Gesù ha presentato mercoledì scorso all’università di Deusto, a Bilbao, volto a mantenere vivo lo spirito ignaziano del pellegrinaggio.

I chilometri che separano le cittadine di Loyola e Manresa furono percorsi nel 1522 proprio da sant’Ignazio di Loyola. Il cammino — riferisce l’agenzia Aica — parte dalla casa natale di sant’Ignazio a Loyola, attraversa i Paesi Baschi, La Rioja, la Navarra, l’Aragona e la Catalogna e si offre al pellegrino come un proposta di meditazione personale e d’incontro con Dio, tenendo presente che l’itinerario è, spiegano i promotori dell’iniziativa, molto diverso dal Cammino di Santiago, più solitario e dunque adatto alla meditazione.

Il Cammino Ignaziano celebrerà il suo primo anno giubilare dal 31 luglio 2015 al 31 luglio 2016, come ha annunciato la Compagnia di Gesù in occasione della festa di sant’Ignazio celebrata lo scorso 30 luglio. Il percorso è perfettamente segnalato, dispone di un’eccellente infrastruttura di alberghi e rifugi e si può percorrere a piedi o in bicicletta seguendo sempre la freccia arancione, simbolo del “Cammino”.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

13 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE