Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Nella Pasqua di Maria

· Fiorisce la speranza ·

Jean Guitton, «Il Cristo e Maria» (1971)

Ci sono persone che ti affascinano vedendo fin dove arriva la loro speranza, hanno tanta passione dentro di loro che riescono a compiere ciò che pare impossibile. Sono persone che non si arrendono mai, nonostante le difficoltà che gli piombano addosso. Sono persone capaci di remare contro corrente. Sono convinto che nell’intimo di alcune famiglie, nei reparti ospedalieri, nelle celle di reclusione, nei centri di riabilitazione ci sono esperienze di persone per le quali l’ossigeno della loro vita è la speranza. Persone così ci danno molto coraggio; ma non tutti sono così forti. Conosco coloro che si scoraggiano davanti alle sfide della vita personale, familiare e sociale. Conosco coloro che hanno perso ogni speranza in sé stessi e in coloro che li circondano.

Anche all’interno della comunità cristiana c’è chi si arrende. C’è chi è deluso perché non ha visto realizzate le molte speranze suscitate nella Chiesa dal concilio Vaticano ii. Ci si perde d’animo quando si vede tanta resistenza a certe riforme nei diversi aspetti della vita della Chiesa. Altri poi si sentono confusi davanti ad alcuni aggiornamenti della Chiesa a proposito degli orientamenti pastorali. Purtroppo, ci sono anche dei profeti di distruzione, che nella loro ansia religiosa mettono più in evidenza le macchie anziché vedere quel tanto di bene che c’è nell’uomo; si fermano di più alla debolezza piuttosto che apprezzare gli sforzi fatti, anche piccoli ma sinceri, della persona che cerca di compiere nel rialzarsi in piedi; sono più interessati a difendere alla lettera la legge piuttosto che l’uomo; per garantire la perfezione escludono tutto ciò che è imperfetto; per affermare la giustizia di Dio si mettono a controllare la sua misericordia. Atteggiamenti di questo genere annullano ogni speranza nella persona umana e fanno della Chiesa ciò che non è, ciò che non dovrebbe essere mai. Sull’esempio di Cristo, che «una canna infranta non spezzerà, non spegnerà il lucignolo fumigante, finché abbia fatto trionfare la giustizia; nel suo nome spereranno le genti» (Matteo, 12, 20-21), la Chiesa è ed esiste per offrire una vera speranza all’umanità.

di Mario Grech

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2017

Prossimi eventi

NOTIZIE CORRELATE