Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Nella nuvola della necropoli vaticana

«A mia memoria, neppure Pio XII, che promosse gli scavi, vi è mai sceso» spiega Pietro Zander, l’archeologo responsabile della necropoli che si trova nel sottosuolo della basilica vaticana e che dirige anche la conservazione e il restauro dei beni artistici nell’immenso cantiere aperto il 18 aprile 1506 da papa Giulio II, intervistato da Stefano Lorenzetto sul «Corriere della Sera» del 20 ottobre. «Alla vigilia del 1° aprile 2013 — continua Zander — ricevetti una telefonata dal cardinale Angelo Comastri, arciprete di San Pietro, che mi annunciava per l’indomani una visita di Francesco, eletto papa da 17 giorni. Lì per lì pensai a un pesce d’aprile. Ma quello era anche il lunedì dell’Angelo. Siamo rimasti nella necropoli dalle 16.45 alle 18. Ho visto il Santo Padre commuoversi e l’ho udito ripetere ad alta voce le tre professioni di fede del primo apostolo. Si è anche soffermato sulla tomba di un cristiano chiamato Istatilio, riconoscibile dal cristogramma con la X e la P dell’alfabeto greco sovrapposte. L’iscrizione latina recita: “È andato d’accordo con tutti e non ha mai causato litigi”. Il Papa ha commentato: “È un bel programma di vita”». Lo stesso turbamento, continua Zander, «l’ho notato anche sul volto dei non credenti e dei molti personaggi giunti nella necropoli, compreso un cantante che chiamano The Boss», Bruce Springsteen. Nella Fabbrica di San Pietro i lavori non finiscono mai, e «quando finiscono, è già tempo di ricominciarli» Nella necropoli l’umidità oscilla fra il 98 e il 100 per cento per impedire all’acqua di evaporare dai muri e lasciare residui salini sugli affreschi: «siamo in una nuvola». La basilica occupa 2,2 ettari di superficie, contiene diecimila metri quadrati di mosaici, raggiunge i 132 metri di altezza, e il solo baldacchino del Bernini misura quanto un palazzo di dieci piani. Gli archivisti hanno in custodia due chilometri di documenti amministrativi fra cui i costi per le “allegrezze”, i banchetti offerti da Michelangelo ai lavoranti.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE